Imperial Circus Dead Decadence – 狂おしく咲いた凄惨な骸は奏で、愛おしく裂いた少女は聖餐の詞を謳う(Kuruoshiku saita seisan’na mukuro wa kanade, itooshiku saita shōjo wa seisan no shi o utau.)

a1290069271_16.jpg

Tutti sappiamo quanto il giapponese sia un idioma complesso, infatti sono andato a tradurre il titolo di questo album, con i metodi soliti, ossia google translate, quindi non proprio attendibile, perciò ho deciso di lasciarlo così com’è per non incorrere in incresciosi errori di traduzione.

La nazione nipponica è una di quelle terre che per molti rappresentano una meta da raggiungere almeno una volta nella vita. Uno scrigno di sorprese innumerevoli per quanto riguarda qualunque cosa. E io, oggi ho scoperto questa cosetta girando su bandcamp. Gli Imperial Circus Dead Decadence, (nome lunghetto che io adoro, ma è anche facile da dimenticare e questa è una nota non indifferente) sono una band nata nel 2007 a Fukuoka. Devo dire che io ascolto da parecchio tempo la musica giapponese e mai mi era capitato di sentire una band come questa, conosco bene i Wagakki Band, i Dazzle Vision, i Deathgaze, ecc, ecc… ma questi mi erano sempre sfuggiti. Sono autori di un mix davvero interessante, provate a prendere gli Emperor metre fanno una jam con i Children Of Bodom, impolverateli di un pizzico di metalcore e fate loro suonare le sigle degli anime, aggiungete qualche elemento operistico. Fatto ciò avrete gli I.C.D.D., lo so che detto così sembra un macello, ma ogni elemento è mescolato con grande saggezza e con dosi misuratissime. Il risultato è gradevolissimo, mai ripetitivo e sempre interessante.

Questo disco si presenta davvero molto bene, il brano introduttivo è un crescendo di epicità assoluta, con un figuro che racconta una storia (o una profezia, non è chiaro), si parla di guerra e amore, e di una ragazza di nome Ofestra, nata dal buio e destinata a portare distruzione nel mondo e in seguito nuova vita, o almeno così ho capito io, tradurre i testi dal giapponese attraverso internet non è mai troppo attendibile. Il disco di base è un Symphonic Black Metal, con gli elementi che ho elencato prima, certo, ma fondamentalmente di questo si tratta. Siamo di fronte ad un’opera di spesso per come la vedo io, in quanto l’ascolto non stanca mai, in nessun modo, anzi, ci da modo di sentire tutte le capacità esecutive e compositive della band. Infatti si passa da cavalcate selvagge come “Geki ai no yobigoe ga No kyōsei o kurau” e “Jashin no konrei, gi wa ai to shiru”. Ma abbiamo momenti davvero epici, ma tanto epici come “Chinura reta miniku ren ni fukeru hōmura”, il quarto brano che è il punto più alto di solennità che la band raggiunte durante tutto l’ascolto dell’album. Possiamo anche godere di elementi che ho visto solo nei pochi musical che ho visto, sapete quando c’è quel brano che rappresenta un dato momento caotico della storia? Bene, “Zankoku-sa wa sono nakigara o neburazaru” è esattamente questo, a tratti mi ha ricordato gli Umpfel per qualche motivo. La band non si dimentica comunque di inserire il power metal nella sua proposta e con “Ōu”, il pezzo in chiusura, lo fa benissimo, nove minuti di Nightwish che si sono decisi di fare roba seria (mi piace vederla in questo modo). Ovviamente le sonorità da sigla dei cartoni giapponesi non mancano, ma vi dirò che prima dell’ascolto mi aspettavo un maggior abuso di tali sonorità.

Questo disco non lo consiglio a chiunque, anzi, secondo me serve una certa apertura mentale, perché quando si tratta di musica giapponese c’è sempre tanto, ma tanto pregiudizio, tutti vanno sempre e subito a pensare a quelle maledette sigle, invece qui abbiamo del sano metal suonato bene e basta. E sopratutto qui c’è del lavoro notevole dietro in quanto concept album. Io me lo riascolto altre dieci volte almeno.

(Ho voluto tradurre i titoli nel nostro alfabeto, però con grande probabilità si sono creati errori quindi è la prima è ultima volta che lo faccio)

 

https://imperialcircusdeaddecadence.bandcamp.com/album/-

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...