Slash è un pessimo chitarrista?

Finalmente ho il tempo e un mio spazio per parlare di questo argomento sempre molto discusso e spesso litigato. Amicizie sono finite per colpa della questione di cui vado a parlare. Nella vita reale non moltissimo, ma su internet questa è una questione che infiamma gli animi in modo particolare e la maggior parte delle volte diventa imbarazzante anche senza farsi coinvolgere nella discussione. Gente che parte con frasi balorde tipo “Slash è scarso!” e gente che di tutta risposta “Slash è il migliore e tu stai zitto cretino”, poi si insultano e via dicendo senza sosta senza arrivare a nessuna conclusione e sopratutto senza argomentare nulla. Questa cosa non capisco se mi fa più ridere o innervosire. Molti argomentano dicendo che se è famoso in tutto il mondo allora un motivo deve esserci, mentre tutti gli altri dicono che basta vedere i filmati in cui stecca quasi tutte le note per capire che effettivamente non è il gran chitarrista che viene descritto. Il problema è che queste due argomentazione non hanno né capo né coda, perché se vogliamo basarci sul livello di fama che vanta, beh, allora Psy è il migliore non chitarrista, migliore e basta, e se vogliamo basarci su tutti quei filmati in cui non azzecca una nota neanche a pagarlo, vorrei vedere chiunque suonare sempre perfettamente quando si hanno problemi di alcolismo e droga. Quindi smettiamola di dire sciocchezze di questo tipo e vediamo di ragionarci.

Andiamo con ordine. Slash è bravissimo o è scarsissimo? Scarso non è di sicuro. La sua bravura è indiscutibile, ma ci sono dei punti da analizzare quando si prende in esame un musicista. Se volessimo esaminare l’aspetto tecnico (parlo di mero virtuosismo), lascia abbastanza a desiderare, non è veloce e non usa grandi quantità di tecniche, si limita ad uno shredding molto basilare e poco articolato che a differenza di altri chitarristi decisamente meno noti di lui come Tosin Abasi, Sarah Longfield, Eddie Van Halen, Felix Martin, ecc… sono chitarristi nettamente superiori su questo piano, hanno preso tecniche già esistenti e le hanno sviluppate e portate oltre i limiti facendo scoprire quanto si possa fare con in mano una chitarra. Ma se volessimo andare sul fattore “vendibilità” (non saprei come altro definirlo), merita tutti gli applausi del mondo. Lui è stato in grado di scrivere pezzi che andassero bene per qualunque tipo di pubblico. Un bambino, un adulto, un anziano, un ragazzo, un ascoltatore di rock e anche una persona che di musica se ne frega totalmente possono ascoltare la sua musica senza problemi e senza porsi domande, è musica semplice, potenzialmente per tutti. Vogliamo parlare del fattore composizione? Lascia a desiderare anche qui, anche se in questo caso non è esattamente un difetto o una mancanza, tutti i suoi lavori sono strutturati in maniera molto semplice, classica (intro, strofa, ritornello, strofa, ritornello, parentesi, solo, ritornello, finale), che per carità, è efficace e funziona benissimo, ma è solo quello, non è elaborato, non è sperimentato, resta lì fossilizzato nella sua struttura semplice e con i tempi che corrono quasi banale (anche se ripeto: FUNZIONA BENISSIMO). C’è il fattore esecuzione da considerare e qui c’è veramente poco da dire, quello che fa, lo fa in modo egregio (quando è sobrio ovviamente).

Non mi voglio dilungare tanto se no non finisco più quindi cerco di concludere. In definitiva, Slash è il gran chitarrista che viene descritto o è sopravvalutato da morire? Beh, io credo di poter dire senza opinioni, che Slash sia effettivamente un signor chitarrista, va detto che ha avuto la fortuna di poter suonare negli anni ’80, un periodo in cui la concorrenza non era così tanta, se avesse iniziato ora sarebbe uno dei tanti, conosciuti solamente dagli appassionati, l’epoca era quella giusta insomma e inoltre al giorno d’oggi, un chitarrista che mescola Hendrix, Perry e Page non avrebbe fatto tanto scalpore, anzi, probabilmente sarebbe stato vittima di tutto l’odio di cui è capace un pubblico odierno. Insomma un chitarrista bravo, bravissimo, ma non certo il migliore, non penso si possa prendere un musicista e dire “Bon, lui è il top!”. Non è concepibile dire una cosa del genere perché ogni musicista è diverso da tutti gli altri, è vero che io ho fatto alcuni confronti all’interno di questo articolo, ma era solo per dare un’idea di altri suoi colleghi che hanno deciso di ampliare la loro arte come non ha fatto lui. Ogni musicista si (diciamo) specializza, un esempio: Billy Sheehan è un bassista estremamente bravo, ma non potrebbe mai suonare al posto di Tony Choy negli Atheist, non è roba sua quella.

In fine, come ogni altro artista può piacere o meno, i gusti sono indiscutibili e ognuno di noi se lo sente dentro se apprezza un artista o meno, magari si potrebbe non avere motivazioni per non apprezzare, magari semplicemente non fa per te, ma non apprezzarlo, dire che fa schifo, e insultare chiunque apprezzi è veramente da stupidi, se poi ci aggiungi motivazioni stupide per far valere la tua opinione e farla condividere da tutti perché non accetti i gusti diversi dai tuoi, allora sei proprio una persona che non merita nemmeno di venire ascoltata quando apre bocca o inizia a scrivere su una tastiera.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...